Corsi di inglese per ogni livello

Obiettivi

Lo sforzo di imparare una lingua straniera può dare risultati soddisfacenti anche nell'immediato se sono chiari gli obiettivi linguistici che si sono raggiunti e quelli invece che si vogliono raggiungere, nel breve, nel medio e nel lungo termine.

Chi scrive lettere commerciali per esempio non sempre dovrà necessariamente comunicare a voce con clienti e fornitori. La guida turistica invece dovrà prestare particolare attenzione alla produzione orale e coltivare chiarezza nella pronuncia e sopratutto una buona intonazione per dare la giusta vivacità al discorso. Viceversa prepararsi ad un viaggio, sia di lavoro che di vacanza, non richiede di privilegiare un'abilità a scapito delle altre ma piuttosto di sviluppare la capacità di districarsi in una serie di situazioni comuni: cibo, alloggio, trasporti, shopping. Pertanto sarà essenziale imparare a leggere, ascoltare, parlare o scrivere nel registro appropriato alle varie situazioni (per esempio salutare, ringraziare, chiedere informazioni, negoziare, fare una lamentela eccetera) attraverso appunto un approccio funzionale e contestuale.

Misurare il proprio livello

É molto importante quindi stabilire degli obiettivi in base alle proprie necessita o piani futuri. Quanto più chiari sono gli obiettivi (e privilegiando quello che ci sarà oggettivamente più utile) tanto più efficiente sarà l'apprendimento.

Al fine di stabilire a quali obiettivi puntare occorre avere un idea più o meno precisa del punto di partenza. Una indicazione utile potrà ottenersi scomponendo la performance linguistica secondo le quattro diverse categorie o abilità leggere, ascoltare, scrivere e parlare e misurando le abilità specifiche all'interno di ogni categoria. Si dovrà per esempio dimostrare di essere in grado di individuare informazioni particolari o di capire i punti di vista espressi in un testo, oppure di esprimere opinioni o di fare supposizioni durante una discussione. Un esame può appunto tracciare una buona diagnosi e ci dirà dove già ce la caviamo e dove invece dobbiamro migliorare.

É rilevante notare che ogni abilità non è separata dalle altre nel senso che, migliorando per esempio la capacità di ascolto, si faranno automaticamente progressi anche nella comprensione scritta o nella produzione orale. Per questo motivo stabilire un esame come obiettivo ci aiuterà a migliorare in modo organico.

L'esame di lingua inoltre ci permetterà di verificare la progressione nel modo più imparziale possibile e questo è importante sopratutto perchè, quando si è superata la fase di 'principiante', ci sembra di non fare progressi, anzi a volte addirittura di regradire, eppure i miglioramenti ci sono anche se è difficile a volte rendersene conto.

Gli esami di livello linguistico

Stabilire come obiettivo un esame formale può quindi rappresentare un ottimo incentivo per fare il punto della situazione certificando i propri progressi. Esistono varie griglie di valutazione. In Europa abbiamo già da tempo adottato CERF che ha tre gradi principali di valutatione (A - principiante, B - intermedio e C - avanzato) suddivisi a loro volta in fascia bassa (1) e fascia alta (2).

Per quanto riguarda l'inglese le due principali enti esaminatrici portano l'illustro nome delle città universitarie Oxford e Cambridge.

Per una valutazione approssimativa si può usare il Cambridge English Language Assessment

Una volta stabilito il proprio livello si può procedere con una prova di esame vera e propria. Le prove di esame dei vari livelli si possono scaricare gratuitamente dal sito della Cambridge English. Il test completo permette di fare un autovalutazione accurata per quanto riguardano le abilità passive cioè la comprensione orale e scritta. Per quanto riguarda invece lo scrivere e il parlare, si può avere un'idea approssimativa della propria performance confrontando il proprio elaborato con i testi modello.